Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Privacy e cookie policy

Accedi

Entra nel sito

Username
Password *
Ricordami

Formia è collocata esattamente al centro del Golfo di Gaeta, in un punto strategicamente pregiato, nodo stradario e ferroviario, che è stato l'origine della sua fortuna di stazione balneare, ma anche causa delle sue disgrazie, per via dell'attraversamento dell'Appia.
Il nome deriva, forse, dal greco Hormiai: ormeggio, porto; o anche dalle Formiae, i brevi corsi d'acqua che si infiltrano dai monti Aurunci e sfociano nel mare.
In latino era conosciuta come Formiae, ma nome e città scomparvero in seguito ai numerosi saccheggiamenti subiti dai saraceni. Rimasero due piccoli nuclei urbani: Mola, lungo la costa, e Castellone, in collina.
Formia riacquistò il suo antico nome e il proprio spazio territoriale grazie alla tenacia della sua gente, ma solo con l'unità d'Italia e la caduta del Regno di Napoli nel 1862.

Grazie alla sua posizione nel cuore del Golfo, protetta dai venti dalla catena dei Monti Aurunci, Formia ha un clima di straordinaria mitezza per tutto l'anno, tanto che molti personaggi celebri - da Cicerone alla famiglia Savoia - la scelsero come luogo di residenza.

Formia è una vera e propria città "mare e monti", sviluppatasi tra il mare e la collina: tra le sue spiagge di Gianola e Vindicio, luogo prediletto per regate, windsurf e sport acquatici, e le montagne delle sue frazioni sugli Aurunci: i borghi medievali di Maranola, Castellonorato e Trivio.

Formia è il centro commercialmente più importante del Golfo, sede della stazione ferroviaria più rilevante della tratta Roma-Napoli e di porti commerciali e per il turismo nautico.

L'area portuale costituita dalla Banchina Azzurra prende il nome dalla prolungata presenza che fece a Formia il team della prestigiosa barca che nel 1983 rappresentò per la prima volta l'Italia nella Coppa del Mondo di Vela.
Oltre alla presenza di pescherecci e natanti da diporto, dalle banchine del Porto di Formia partono ogni giorno i principali collegamenti con le Isole Pontine di Ponza e Ventotene.

Dal 1955 Formia è anche sede della Scuola di Atletica Leggera del Coni. Qui sono cresciuti diversi campioni dello sport italiano, su tutti: Adriano Panatta, Sara Simeoni, Pietro Mennea e Giuseppe Gibilisco.

Formia inoltre fa parte di due aree naturalistiche protette situate nel golfo: il Parco della Riviera di Ulisse, lungo la costa, che comprende anche i comuni di Sperlonga, Gaeta e Minturno, e il Parco Regionale dei Monti Aurunci, che si estende fino alla vicina Ciociaria. In questi splendidi Parchi è possibile visitare bellezze storiche ed effettuare incantevoli escursioni.

Oltre all'azzurro del mare e il verde delle montagne da Formia si possono raggiungere: la vicina città romana di Minturnae, Gaeta Medievale e le sue spiagge, Fondi e Itri con i loro castelli, Suio e le sue terme, il centro antico di Campodimele e il borgo di Sperlonga, vero e proprio gioiello di architettura del periodo saraceno.